Musica americana

Quando i primi coloni britannici si stabilirono in America, portarono con sé la propria musica tradizionale, che includeva melodie inglesi, scozzesi e balli irlandesi. Mentre le colonie crescevano la popolazione si diversificava, molti altri tipi di musica vennero importati e assorbiti nella cultura degli Stati Uniti.
Con l’arrivo degli schiavi africani e la loro musica, i generi vennero mischiati fra di loro creandone di nuovi basati soprattutto all’intrattenimento per feste e balli locali.

Oggigiorno la musica americana, con tutti i suoi generi, è una delle più ascoltate al mondo, con un business immenso e in forte crescita.
Fra i generi musicali americani non si può non menzionare il rock, il gospel, il jazz, il blues, l’r’n’b e successivamente l’hip hop.

Fra le destinazioni relative alla musica da visitare durante una vacanza negli Stati Uniti bisogna citare Nashville, in Tennessee, gli stati del sud e New York, nella quale è nato l’hip hop.
New Orleans è la città del blues e della musica nera, mentre in California e in Florida esiste una grande influenza della musica latino-americana, rispettivamente messicana (ranchera) e cubana (salsa).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>